sabato 23 ottobre 2010

La Musica dell'acqua


Onde anomale
lambiscono lidi sotterranei
levigano asperità ~ plasmano nuove forme


"Tuffo" ~ Angela Raimondi

A volte origliando alcune canzoni o parole, queste suscitano ~ ispirano, risvegliano in noi forti emozioni e sensazioni, che possono essere di seduzione, malinconia, delizia, entusiasmo, turbamento... ma anche di disagio, inquietudine, disorientamento... in base alla loro tonalità, intensità, melodia... di ciò che vanno ad esprimere...

noi essere umani
siamo composti al 70% di acqua,
ed allora capisco forse... perché le note e le parole
a seconda di come le percepiamo, recepiamo e facciamo nostre

implodono... e deflagrano 
tramutandosi in ruscello, cascata o in torrente in piena

@lba

~~~~~~~~~~~~~~~
"I Messaggi dell'acqua"
di Masaru Emoto

La risorsa fondamentale per tutte le forme di vita sul nostro pianeta, la sua qualità e la sua integrità sono elementi essenziali per la loro e la nostra soppravvivenza, e un sorprendente messaggio ci giunge ora dall'acqua attraverso le ricerche di Masaru Emoto, scienziato e ricercatore giapponese che ha messo a punto una tecnica per esaminare al microscopio e poi fotografare i cristalli che si formano durante il congelamento di diversi tipi d'acqua: acqua di montagna. inquinata, proveniente da sorgenti, laghi, paludi, ghiacciai... di varie parti del mondo, sottoponendoli a parole scritte e pronunciate, musica, preghiere.

Si è così visto che i cristalli dell’acqua trattata mutano di struttura inviando dei messaggi, e come l'acqua sia un nastro magnetico liquido in grado di registrare in modo molto sensibile le informazioni energetiche che riceve dall'ambiente. L'acqua sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri positivi, forma dei cristalli bellissimi simili a quelli della neve, quella sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri negativi reagisce invece creando strutture amorfe e prive di armonia.

L'acqua, infatti, sembra essere in grado di registrare la vibrazione di un'energia estremamente sottile che è all'origine della creazione, definita nella cultura giapponese "Hado" ~ "cresta dell'onda" (fonte da web)


"amore e gratitudine"
~ foto da web ~

23 commenti:


  1. molto interessante la notizia dei cristalli d'acqua che si trasformano, l'acqua è viva...

    L'acqua sottoposta alle vibrazioni di parole, e pensieri positivi forma dei cristalli bellissimi simili a quelli della neve, quella sottoposta alle vibrazioni di parole e pensieri negativi reagisce invece creando strutture amorfe e prive di armonia.

    mi suggerisce pensieri positivi..l'acqua mi piace  quando sto bene, se sono infastidita non la cerco...
     tornerò a leggerti
    PS bello il dipinto il tuffo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 07:14, 24 ottobre, 2010

      Io ho letto il libro di Masuro ed è sorprendete, ma in fondo dici bene l'acqua è "VIVA" ed è "VITA", prima di nascere siamo composti al 95% di acqua e galleggiamo nel liquido, non per nulla l'acqua è definita "l'oro Blu".

      Svolge un ruolo fondamentale per la sopravvivenza di tutte le specie: animale, vegetale, umana, è alla base di molte religioni che la venerano, è un bene prezioso e inestimabile, decantata anche dai poeti.

      E il fatto che noi ne siamo composti, spiega allora forse... perché a volte le parole che percepiamo e i pensieri positivi o negativi che ci sfiorano, abbiano su di noi effetti così dirompenti o devastanti, ed allora mi metto a pensare e immagino l'acqua che scorre dentro di noi, che ci permea, trasformarsi ed assumere forme nuove sulla base di ciò che percepiamo :)

      un caro saluto e un abbraccio

      p.s.
      il dipinto il "Tuffo" lo trovo molto bello anche io, se lo guardo la sensazione che mi arriva è di serenità, leggerezza, un liberarsi delle molte troppe zavorre che ci tengono ancorati... per riemergere a nuova vita

      Elimina
  2. per quel che mi riguarda, essendo anomalo di natura...le tue onde, a me tali e quali...non possono altro che far piacere.

    e che belle le tue parole...anche quando non si muovono!

    e della foto che cristallizza la gioia dell'acqua, ne vogliamo parlare???

    wow.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 19:21, 24 ottobre, 2010

      E così sei anomalo di natura ^ __ ^ sai anche io forse un po' lo sono sotto certi aspetti, magari è proprio questa la la parte di noi che ci consente di non smettere mai di stupirci... in famiglia io sono considerata un po' insolita, forse una sorta di Peter Pan in versione femminile ^ __ ^

      Riguardo alle mie parole, mi sono divertita ad imprimere loro un movimento, nell'intento di renderle più vive ed incisive, ma mi fa piacere sapere che le trovi belle anche quando sono come dire lineari e immobili.

      I cristalli di acqua che si formano e si vedono nel video aottoposti a parole e note, sono davvero sorprendenti da ammirare ed alcuni forse anche un po' inverosimili, a me piace guardarli semplicemente per quello che sono... "belli" e per ciò trasmettono, "serenità e benessere", senza troppo domandarmi...

      un caro saluto

      Elimina
  3. Scrissi la tesi sull'elemento acqueo (non chimicamente parlando ovviamente), lessi cose che dentro di me già sospettavo ma che mi stupirono con forza esagerata. E' un argomento tanto vasto quanto interessante. Il quadro è bellissimo ma mi inquieta, quel rosso mi fa venire in mente il sangue vaporizzato...
    Ciao alba, un bacione

    Maraptica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 19:50, 24 ottobre, 2010

      Tesi davvero originale ed interessante, ti faccio i miei complimenti, mi piacerebbe sai leggere qualcosa di più su ciò che hai letto e scritto, magari con un bel post su un argomento così interessante ed affascinante come quello dell'elemento acqueo e dei suoi risvolti...

      Come ben dici è un argomento assai vasto ed inesauribile, perché per ogni porta che andiamo ad aprire.. per ogni domanda e risposta che riusciamo a trovare, tante altre si palesano e reclamano attenzione, stupendoci... e forse a volte anche soppraffacendoci un po'.

      Riguardo al quadro prima di postarlo ho provato a cercare cosa significassero e rappresentassero per l'Artista quelle pennellate rosse, perché all'inizio mi disorientavano un po' messe in relazione con l'acqua, però poi la mia attenzione si è distolta e catalizzata invece sul movimento rilassato della braccia e sull'espressione "rapita" del volto, sembrerebbe quasi di serenità e beatitudine, non so perché l'ho scelto, forse per via del titolo "Il Tuffo" e perché lo lego al concetto di metamorfosi, di ri~nascita... tuffarsi per poi riemergere... alleggeriti e purificati, detersi...

      ... ed allora quel rosso, arrivo ad associarlo al concetto di "Vita", percepirlo come un qualcosa di benevolo e visto sotto quest'ottica riesce a non inquietarmi ^ __ ^

      ciao splendida ragazza dalle mille sorprese
      un abbraccio e un bacione anche a te

      Elimina
  4. E' un tema affascinante e il tuo post dai font un po' futuristi accentua l'interesse per il tema. Non so se la scienza abbia gli strumenti per sondare i suoi limiti, anzi non lo credo, ma intuisco che intinito e infinitesimo hanno simmetrie e analogie che a volte, come in questo caso, diventano tangibili. Serena domenica (m.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 19:56, 24 ottobre, 2010

      Non credo neanche io sai che la scienza possa davvero arrivare a sondare i suoi limiti... ed anzi spero ardentemente che non ci arrivi mai, perché sono del parere che sia opportuno e meraviglioso lasciare qualcosa d'intentato, inesplorato, inspiegabile...

      E' sicuramente affascinante che ogni tanto si arrivi quasi a percepire la tangibilità delle cose, e dico quasi, perché anche ciò che è certo è comunque poi soggetto e assoggettabile a leggi di natura che non possiamo assolutamente prevedere, prendere in esame nella loro totalità, data la molteplicità di imprevisti che possono verificarsi... che ci sono totalmente ignoti

      ... e credo che infinito e infinitesimo debbano forse rimanere tali, per consentirci di poterlo non solo diciamo figurativamente toccare con mano, rendere tangibile, ma anche arrivare semplicemente a percepirlo per come si palesa, nella sua semplicità o complessità.

      Mi rileggo e mi trovo un po' confusa nell'andare ad esporre il concetto, non so quindi se riesco a spiegarmi :)

      un caro saluto

      Elimina

  5. si. Siamo fatti di acqua, e per l'acqua, ma anche per  il resto, che è fatto di cellule che rispondono alle vibrazioni e alla pressione, è importante fare attenzione alle vibrazioni di cui ci circondiamo.
    Fa la differenza, a volte.
    con Un sorriso tininnante di gioia
    ti abbraccio
    Lila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 20:15, 24 ottobre, 2010

      Il parallelo che fai con le cellule e le vibrazioni che ci circondano, è calzante ed infatti uno dei messaggi che si leggono nel libro è proprio questo, pensare e prestare attenzione alla natura, al potere dei nostri pensieri, delle nostre intenzioni e alle conseguenze che questi possono avere poi su di noi, essendo il nostro corpo composto prevalentemente di acqua.

      ed è vero tutto fa la differenza ^ _ ^

      un abbraccio

      Elimina
  6. @ turquoise
    L'argomento è affascinante ma anche molto controverso e criticato..
    .. e "la vita è una cosa meravigliosa" .. cela armonie a noi ignote e in un certo senso un po' si mimetizza.. lasciando poi a noi il privilegio e l'abilità di scoprirne i lati più nascosti, inducendo i nostri sensi a sfruttare al massimo le loro potenzialità

    Come spiegavo anche a volovivace ogni tanto mi cimento e diletto a rendere le parole "fluttuanti" , perchè si percepisca meglio la potenza e grandezza che le parole scritte in qualche modo purtroppo celano.. a volte, essendo prive di una tonalità che conferisca loro maggior enfasi e risalto.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. ma ndo la trovi tutta sta magia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 12:09, 25 ottobre, 2010

      L'acqua come la vita "Panta Rei" scorre... rappresenta il principio della creazione
      in numerose culture, miti e leggende, l'acqua è anche il simbolo della fertilità, della sensualità legata al mito di Afrodite, che nacque dalla spuma del mare ed emerse dalle acque.

      A volte ci inquieta ed altre ci rilassa, ma in ogni caso ci attrae e suscita sempre meraviglia in tutte le molteplici forme che può assumere, solida, liquida... e al riguardo mi viene in mente una frase contenuta nel libro di Andrea Camilleri.

      "La forma dell'acqua"

      Qual'è la forma dell'acqua?
      Ma l'acqua non ha forma! Piglia la forma che gli viene data.

      un caro saluto

      Elimina

  8. che tutta energia influisce sull'universo é la poesia estrema...

    saluti cari....

    linn...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:31, 26 ottobre, 2010

      ... chissà quanti e quali energie sottovalutiamo o semplicemente ignoriamo volutamente, perdendoci così tutta la poesia che ci circonda.

      un caro saluto e un abbraccio

      Elimina
  9. e onda su onda dove ci porterà ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:35, 26 ottobre, 2010

      E chi lo sa... ma perché chiederselo ^ _ ^
      non mi ricordo chi ha detto... ciò che conta non è la meta ma il viaggio che si intraprende

      un caro saluto

      Elimina
  10. Ma è strana assai questa cosa dell'acqua e dei suoni.... certo, a vedere quest'immagine che ha ascoltato un'opera lirica (mi domando quale) forse, ma è un'ipotesi... le quattro stagioni? (questa immagine a "l'inverno") ;-D A rigor di logica, per il fatto che siamo composti per il 70 percento di acqua... potrebbe essere vero, che è la nostra acqua che si ribella ai rumori molesti o si gratifica alle soavi musiche... ma siccome io penso che siamo un tutt'uno... quest'idea del giapponese mi sembra alquanto balzana. :-) Ma il tuo post, bellissimo e delicato... come sempre! ;-***

    RispondiElimina
  11. @ sim.64
    .. siamo la somma di tante piccole cose.. e la musica suscita in ognuno di noi diverse emozioni e non a caso non sono mai le stesse per tutti, ma variano sulla base di come le percepiamo..
    riguardo a Masaru il suo libro e le sue ricerche mi lasciano un po' perplessa .. ma a volte è bello anche credere anche in qualcosa che sembra "incredibile".. e forse impossibile ^ __ ^
    un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Alba...hai ragione per quello che hai scritto in risposta al mio commento, in effetti a volte bisogna lasciarsi trasportare un po' dalla fantasia... fa sempre bene.. Un bacetto e ... buongiorno! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 16:42, 28 ottobre, 2010

      Guarda in quanto a fantasia sono un'esperta, ho fatto in realtà più viaggi in sua compagnia che nella realtà ^ __ ^ ma a pensarci bene, uhm, non so se questa cosa mi faccia o meno onore :)

      un abbraccio e un bacio

      Elimina

  13. neanche io ho voglia di stare a spiegarmi tutto, mi lascio andare e coinvolgere con piacere... chissà chi crede di essere l'uomo, basta guardarsi attorno e vedere come ridduce  il mondo meraviglioso che ci circonda... perché dovrei sprecare aridamente e inutilmente il mio tempo anziché lasciarmi trascinare dallo stupore e dalla gioia? Ho già letto il tuo ultimo post ed è incantevole. Mettere un immagine, a volte, è una specie di grazie per sottolineare che si è gradita tanta bellezza, solo un piccolo grazie :  )) ciao Alba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 07:46, 29 ottobre, 2010

      Concordo lasciarsi trascinare dallo stupore e dalla gioia è meraviglioso, io forse lo faccio un po' troppo spesso ;) ma "toglietemi tutto ma non la fantasia" ^ __ ^

      grazie a te e per come sai guardare a ciò che ti circonda

      un abbraccio

      Elimina