sabato 4 luglio 2009

Sisma


Le sue viscere si contorcono, e la terra, trema, ancora... batte i denti [sussulta ~ ansima] come in preda ad un attacco di panico, è stremata la Terra, asservita ~ dilaniata, geme e urla il suo dolore. implora una tregua, recrimina quieto vivere.

15 commenti:

  1. Madre natura a volte è cattiva, certo, se noi la rispettassimo di più, farebbe meno danni .....

    RispondiElimina
  2. ...la Terra trema: implora una tregua o vuol far capire chi comanda?...


    Kisss

    RispondiElimina
  3. E' un' idea dura da mandar giù per noi presunti padroni del mondo, ma la terra ha una sua vita propria che pulsa incontenibile nelle sue viscere, era così prima di noi, sarà così dopo. E' la cosa più vicina all'eternità che esista su questo pianeta e purtroppo non ci riguarda, se non quando ci scuote e spazza via.

    RispondiElimina
  4. madre natura tende a ripristinare l'equilibrio che la nostra presunzione ha deturpato...

    lei soffre, come noi... perchè in fondo siamo la stessa cosa.


    Belissima, la poesia!

    RispondiElimina
  5. La terra in preda al panico, è una immagine che colpisce e rende l'idea del sommovimento totale.

    RispondiElimina
  6. bella e sincera la tua immagine.....una madre che richiama l'attenzione dei propri figli.....nel modo che conosce.....nell'unico modo in cui riusciamo ad ascoltare....grazie ciao:)

    RispondiElimina
  7. Madre Terra ci vorrebbe tutti più sensibili al suo dolore...noi, dovremmo esser più comprensivi verso la sua immensa bellezza...


    Blue

    RispondiElimina
  8. Io mi domando...che senso ha umanizzare un pianeta?

    un bacio

    RispondiElimina
  9. forse il desiderio che l'uomo diventasse più pianetizzabile...

    non è solo un pianeta qualunque, ma il Pianeta che ci sopporta :)


    è una poesia stupenda, la tua sensibilità dovrebbe esser mitizzata.

    RispondiElimina
  10. madre terra.

    chiede lo scotto

    RispondiElimina
  11. A volte penso che l' uomo abbia raggiunto il punto di non ritorno, nel senso che anche volendo non potrebbe più ripristinare un equilibrio così gravemente compromesso.

    Un saluto e un sincero ringraziamento per i Tuoi commenti.

    RispondiElimina
  12. Nessuno di noi si rende conto che la Natura è la vera padrona del mondo. Speriamo che questo terremoto piano piano si calmi ma i danni ormai non li toglie nessuno, ciaoooooo

    RispondiElimina
  13. la natura è più forte di noi

    quando decide di ribellarsi non possiamo far nulla per fermarla

    forse è meglio non avere le armi per farlo

    saremmo capaci di distruggere tutto

    spero che smetta al più presto

    ci sono persone che hanno diritto alla loro tranquillità


    buon giovedì

    RispondiElimina
  14. ciao albafucens'..che nik molto evocativo,della bellissima città che tanto ho amato,per quell senso un pò decadente dei fasti del passato,anche perché quella zona che guarda la nuova avezzano,mi ha sempre interessata dal punto di vista storico..corradino,la battaglia di tagliacozzo..magliano..insomma sin da piccola mi sono interessata a quei luoghi,anche perché mia madre è originaria della marsica,che per me resta il più bel luogo al mondo..le forze primordiali sono ingovernabili e purtroppo quella è sempre stata una zona ad alto rischio sismico..a noi non rimane altro che auspicare quell'energia finalmente si sia esaurita,con l'augurio che nel futuro,saremo tutti più preparati nel affrontare simili evenienze,con le tecniche giuste..con tutto il cuore buona vita!your sincerely jackie.

    RispondiElimina
  15. un abbraccio alla tua terra, alla nostra terra.

    RispondiElimina