domenica 21 agosto 2011

Hora Caniculae


Mater Naturae

annichilita
ammutolisce e assopisce
tra le spighe dorate e i rossi papaveri
il frinire delle cicale, invero, non affievolisce
lacera e satura il silenzio ~ tremula nell'aria tersa

se chiudo gli occhi e inspiro, ne ghermisco l'effimera vibrazione, prima che le note esalino l'ultimo respiro dissolvendosi nel riverbero della calura estiva, ed è come librarsi in uno spazio senza tempo



38 commenti:

  1. respirare il mondo
    respirare l'armonia delle cose
    respirare poesia
    qui
    :)*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:30, 6 ottobre 2012

      respirare il mondo... l'armonia delle cose
      che bella espressione e meravigliosa sensazione e quanto è importante riuscire a farlo... prendere un lungo respiro e lasciare entrare il mondo dentro di te :)

      un abbraccio

      Elimina
  2. Una perla d'agosto, è questa visione entro e fuori campo ( e chissà che non ci abbia preso, con quel ''guardarsi guardare'' , del post precedente -se non ricordo male).
    C'è anche un gioco da cogliere, credo, tra queste tue spighe e i papaveri; forse un gioco che parla di sè, un metagioco? e perché no?  o poerché mai -e qui forse sono io lettore a giocare.

    Dove ero rimasto? Sì, mi sono fermato a osservare questo tuo scritto. E non è poco, ritengo, per uno scritto essere ''osservato'', prescindendo dagli accorgimenti grafici. I filari di parole hanno un loro colore, si staccano dal dorato e dal rosso, riempiono l'area del quadro, e l'aria.
    Basta così, mi ci sono piacevolmente perso, molto piacevolmente e molto perso, in questa aria.

    Grazie davvero, di mattina.

    RispondiElimina
  3. questo testo ha la sinuosità della fata morgana
    l'andatura dell'acqua mentre evapora lenta

    ciao cara
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:38, 06 ottobre, 2011

      grazie per le belle parole ^ __ ^
      deliziosa l'immagine dell'andatura dell'acqua mi fa venire in mente che...

      Vorrei essere come l'acqua
      che si lascia andare,
      che scivola su tutto,
      che si fa assorbire,
      che supera ogni ostacolo
      finche' non raggiunge il mare
      e li si ferma a meditare
      per scegliere
      se esser ghiaccio o vapore,
      se fermarsi o
      se ricominciare...

      "La Canzone Dell'acqua"

      ~ E. Finardi ~

      un caro saluto

      Elimina
  4. Sono tornato ad osservare lo scritto, come se qualcosa non volesse smettere di frinire...forse ci sono: il gioco, o parte di esso che mi ha colto nel leggere potrebbe essere lo stallo, o l'arrocco forse, nel triangolo equilatero inscritto nelle prime tre parole...immagino -vedo, se mi è concesso- una biglia o un pezzo degli scacchi, o una goccia di mercurio, che percorre quei tre lati:
                                       annichilita
                            ammutolisce assopisce
    qui uno spazio bianco, il livello d'interrupt tra vuoto e pieno,nell'hora caniculae...

    è semplicemente bellissimo questo tuo scritto...sento di doverti dei complimenti
    ciao.
    (e scusa per le mie osservazioni irrimediabilmente parziali).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:49, 06 ottobre, 2011

      Grazie per essere tornato ^ - ^
      rispondo qui...

      Ricordi bene riguardo al "guardarsi dentro"... ma sono io che ringrazio te per l'attenzione che hai dedicato a quanto ho scritto.

      Sinceramente non saprei dirti se ci sia un gioco da cogliere, spesso scrivo senza riuscire a percepirmi, spiegarmi... quindi forse devo imparare a guardare meglio :) però adoro guardare le spighe e i papaveri, come ondeggiano silenziosi al vento, così come osservare tutto ciò che ci circonda.

      Soffermarsi ad osservare uno scritto è sinonimo sia di cortesia che di sensibilità, ed è in verità anche lusinghiero :)

      Riguardo agli accorgimenti grafici che spesso utilizzo, sono un solo piccolo vezzo che mi concedo, oltre a divertirmi mi metto alla prova nel tentativo di riuscire ad infondere vita e movimento, sonorità, calore e colore alle parole scritte che qui sono prive di suono, inflessioni... affinché possano arrivare così ad essere percepite da chi le legge in modo forse più intenso.

      Deliziosa, mi piace moltissimo la parola "arrocco" :)) come si arrotola e srotola vibrando sul palato, ci sono parole che semplicemente le ami per la musicalità che producono.

      E bella anche l'immagine che descrivi... il triangolo ed ora sembra anche a me di vederla rotolare quella biglia, goccia e percorrere il perimetro delle parole, esitando un po' nello spazio bianco prima di prendere una nuova direzione.

      un doppio grazie quindi per le tue belle e delicate osservazioni

      un caro saluto

      Elimina
  5. Mi immergi nella campagna che mi manca, da troppi anni.
    Eppure è bello e intenso ciò che scrivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:51, 6 ottobre 2011

      Io ho in mente di scappare prima o poi dalla città ed immergermi proprio nella campagna
      e forse sai di tanto in tanto dovremmo cercare tutti di ri~stabilire quel contatto così essenziale, primordiale... che ci lega indissolubilmente alla natura.

      Io d'estate faccio il pieno di queste sensazioni e poi pian pianino le centellino durante l'inverno :))

      un caro saluto

      Elimina
  6. Praticamente la controra

    ciao Alba

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. 08:51, 6 0ttobre 2011


      e autunno... inverno... primavera...
      quante emozioni, colori, sensazioni e tanto altro sa regalarci la natura

      saluti :)

      Elimina
  8. L'anonimo ero io, mi sono scordato di firmare

    Baol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:52, 06 ottobre 2011

      Bellissima la "controra"
      e sai puntando il cursore del mouse sulla tua casetta, anche se non ti firmi mi dice che sei ^ __ ^
      non puoi nasconderti... ma se anche così non fosse... tu non fossi tornato a dirmelo, ti avrei riconosciuto, l'originalità non si camuffa :))

      un caro saluto

      Elimina
  9. tutto commincia con un lungo e primo respiro.....

    la nostra essenza é soffio, e respiro...

    poiché nasciamo ad ogni istante in cui il mondo ci entra nei polmoni...


    saluti cari....

    linn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:54, 6 ottobre 2011

      E' vero anche la "vita" inizia con un respiro e così prosegue...

      Lasciar entrare l'aria e lasciarsene permeare è una sensazione meravigliosa, senza aria non c'è vita...

      un abbraccio

      Elimina
  10. fa ancora così caldo, lì da te?
    sei ancora in quello spazio senza tempo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:07, 06 ottobre 2011

      non so se sia un pro o contro, ma in realtà io galleggio sempre un po' in uno spazio senza tempo...
      sarà che sono una nostalgica, ma ora eccomi di nuovo nel presente :)

      un caro saluto

      Elimina
  11. proprio come quando fa così caldo, che in lontananza vedi il mondo in un vapore....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:10, 6 ottobre 2011

      Il mondo in un vapore... è un'espressione fantastica :)
      bello, magico e surreale

      un sorriso

      Elimina
  12. Dopo tanto mare e montagne,ho sentito nostalgia delle mie colline,se avessi dato retta mi sarei fermata a fotografare ogni centimentro di terra,arata e degradante,rossa,che mi fa riconoscere la mia terra...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:15, 06 ottobre 2011

      La Natura, la Terra fanno parte di noi e il richiamo è spesso così forte... quando io passeggio immersa nel verde ho come l'impressione a volte di ri~trovarmi.. fermarsi ad osservarla, fotografarla è come riuscire a catturarne anche solo per un attimo infinitesimo... l'essenza

      un abbraccio

      Elimina
  13. Risposte
    1. 09:20, 6 ottobre 2011

      grazie ^ _ ^ anche se in in notevole ritardo,
      sia per l'augurio di inizio settimana che di buona domenica ^ __ ^

      buon tutto anche a te

      Elimina
  14. beh, la vecchia Harmel avrebbe commentato questo bellissimo post con:
    " ANTO' FA CALDO! " :-)))

    Alba, che dire?
    Torno a rileggerti e penso che ciò che scrivi possa essere paragonato ad un prezioso mosaico!
    Hai mai pensato di pubblicare ?

    Colgo l'occasione per lasciarti seppur in ritardo i miei auguri di buon compleanno...l'ho appreso poco fa da un'altra parte! :-)

    abbracci quindi a gogò !

    H.

    RispondiElimina
  15. miiiiiiiii
    ho preso un granchio grosso come una casa!
    ho appena scoperto che il tuo compleanno è ancora da divenire!
    ritiro tutto...sorry! :-P


    arisaluti ! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:17, 06 ottobre, 2011

      Che bello leggerti e ri~trovarti qui... * . *
      mi manca tanto sai la tua saggezza quanto la tua irruenza, ed il fatto che non fosse il mio compleanno dai è solo un piccolo dettaglio :)) anche perché ricevere gli auguri mi piace, è sempre bello... a maggior ragione così... ^ __ ^

      .. uhm, dici se ho mai pensato di pubblicare.. ??
      beh si è assai facile che prima o poi tu mi veda pubblicata... magari su un bel cartello con su scritto WANTED ^ - ^

      ti abbraccio forte

      Elimina
  16. tremano, le immagini, quasi rabbrividendo annichilite dalla calura...tratteggi, sicura, qualcosa che, pur sotto gli occhi di tutti, solo i pochi eletti riescono a materializzare in parola....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:21, 06 ottobre, 2011

      grazie :)

      Non so... forse sai, tutti noi possediamo la capacità di osservare, saper cogliere le sfumature che ci circondano, ma in un mondo dove tutto va così di fretta, molti semplicemente non se lo concedono... o hanno dimenticato come si fa.

      un caro saluto

      Elimina
  17. confermo: la vecchia Harmel avrebbe detto"Antò, fa caldo!" e Gabbiano? Chissà cosa avrebbe aggiunto... eh, mi mancano quei tempi, so che mancano anche a te.

    Comunque, vuoi la mia su questo deliziosissimo post? Eccola:
    Antò, fa caaaaldo! ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:23, 06 ottobre, 2011

      eh sì la cara H. e probabilmente anche la nostra bianca gabbianella, avrebbero portato sicuramente una ventata di aria fresca, che con il caldo direi ci sta benissimo ^ _ ^

      E se hai caldo, anzichè smontarmi quel povero Antò.. :((
      te la do io la soluzione vacanze in montagna :)

      un abbraccio

      Elimina
  18. Ciao Alba,
    mi piacciono molto i tuoi versi, arrichiti anche dal colore...
    Buona domenica, a presto!
    Carmine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:25, 6 ottobre 2011

      Adoro il bianco e nero, ma il colore è essenziale nella vita
      così come saperlo cogliere in ogni cosa, anche laddove tutto sembra essere nero

      un caro saluto

      Elimina
  19. Risposte
    1. 10:30, 6 ottobre 2011

      Ora direi che le temperature iniziano a farsi assai più fresche almeno la mattina e la sera,
      ma l'autunno sembra esssere alle porte e presto ci porterà refrigerio

      un caro saluto

      Elimina
  20. @ edio
    .. e direi che la fotografia e le parole sono davvero un'ottimo modo per farlo.. "fermare il tempo"

    Splendido il paesaggio che hai postato, e lo so.. lo so.. che ami l'estate e assai meno l'autunno :))

    un caro saluto

    RispondiElimina
  21. @ Isaac
    Noto con piacere che anche tu come me prsti attenzione ai tag :))

    I tag sono ciò che identifica forse meglio il contenuto di ciò che scriviamo, e spesso rappresentano un po'.. la prosecuzione e il completamento di un post.

    un caro saluto
    e grazie per il saluto e l'augurio

    RispondiElimina
  22. @ alidada
    .. l'estate tra le stagioni è quella che meno amo, proprio per via dell'afa, dell'aria rarefatta, la troppa luce, il chiasso, il riverbero.. mentre le atmosfere romantico-sentimentali e più soft dell'autunno, della primavera e dell' inverno, mi sono assai più care e congeniali :)

    un abbraccio

    RispondiElimina