mercoledì 8 aprile 2015

[quello che resta]


al di là delle parole, nelle movenze, silenzi [interludi] c'è un recondito, infinitesimo, microcosmo che pullula e ferve. c'è sempre dell'altro, un'allusione [postilla] che si equi_libra... de_canta nello spazio [spiraglio] sottaciuto.


~ Salvador Dalì ~


Don Quijote

“Non muoia, signor padrone, non muoia. Accetti il mio consiglio, e viva molti anni, perché la maggior pazzia che possa fare un uomo in questa vita è quella di lasciarsi morir così senza un motivo, senza che nessuno lo ammazzi, sfinito dai dispiaceri e dall’avvilimento. Su, non faccia il pigro, si alzi da questo letto, e andiamocene in campagna vestiti da pastori come s’è fissato, e chi sa che dietro a qualche siepe non si trovi la signora Dulcinea disincantata, che sia una meraviglia a vedersi.”

~ Miguel de Cervantes ~

16 commenti:

  1. Ti rispondo con:
    "Mi vuoi dire caro Sancho, che dovrei tirarmi indietro
    perchè il male ed il potere hanno un aspetto così tetro?
    Dovrei anche rinunciare ad un po' di dignità
    farmi umile e accettare che sia questa la realtà?"

    Un sorriso,
    Marinz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) ed io così...

      Sancho ascoltami, ti prego, sono stato anch'io un realista
      ma ormai oggi me ne frego e anche se ho una buona vista
      l'apparenza delle cose come vedi non m'inganna
      preferisco le sorprese di quest'anima tiranna
      che trasforma coi suoi trucchi la realtà che hai lì davanti
      ma ti apre nuovi occhi e ti accende i sentimenti.

      Elimina
  2. Quale sanità mentale reca in sè Don Quijote, l'ultimo eroe della storia antica, primo ed ultimo (unico) della modernità! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) don Chisciotte il suo lottare contro i mulini a vento... è direi una bella metafora cavalleresca, e come Agilulfo "il Cavaliere inesistente " di Calvino

      “Matto forse non lo si può dire: è soltanto uno che c’è ma non sa d’esserci.”

      Elimina
    2. è lui, proprio lui... ma non c'è cavaliere senza Sancho, :-)

      Elimina
  3. lo penso sempre anch'io. una specie di rimando... a quello che resta o a quello che verrà? :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) personalmente credo entrambi, quello che resta fa da humus... a quello che verrà, e non so ma parlando di cose dette o meno, del temere, esitare, mi viene in mente questa poesia di Emily Dickinson

      “I had been hungry, all the Years”

      Avevo fame tutti gli anni.
      Allora capii
      che la fame è un istinto
      ​​di chi guarda le vetrine dal di fuori.
      L'entrare la disperde.

      un sorriso **

      Elimina
  4. ciao Elena, chissà se ti ricordi di me :-) Sono tornata alla blogosfera e ci resterò di certo... Che bello qui da te, sempre la solita atmosfera magica... Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alidada :)*
      sì che mi ricordo grazie e ben tornata ^ _ ^ di quando in quando anche io mi assento poi almeno fino ad ora... e fin dove ci porterà l'attimo... ho fatto sempre ritorno

      un abbraccio

      Elimina
  5. Solo chi riesce a ben osservare si accorge che "al di là delle parole nelle movenze c'è un microcosmo che ferve".... è sempre bellissimo leggere le tue composizioni brevi, così uniche e lievi.

    Splendido il brano di de Cervantes che hai scelto. Lo dedicherei a molte anime moderne che pensano di vivere e invece stanno avvizzendo lentamente...

    Buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie... Mr Loto :)

      ... e la frase di Cervantes, sì, è direi un bellissimo mònito/ammonimento a vivere più leggeri, scevri da troppi grovigli mentali.

      Elimina
  6. Questa mattina dovevo passare di qui, sai quando le cose non avvengono per caso cara amica mia? (che poi, avvengono mai per caso?!) Le righe di Cervantes erano "necessarie" oggi. Ti abbraccio fino alle ossa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarah
      grazie per le belle parole<3

      e così, parlando di ... metti che un giorno per caso :) ... trarre suggerimento, per certi versi riconoscersi... rispecchiarsi, direi allora che ci sta bene altresì, questo ^ _ ^

      sempre dal Don Chisciotte

      Questo mio padrone ho visto da mille prove che è un matto da legare, e anche io, del resto, non gli rimango punto indietro, perché, se è vero il proverbio che dice «dimmi con chi vai e ti dirò chi sei» e l'altro «non donde nasci, ma donde pasci», sono più matto di lui perché lo seguo e lo servo"

      e sì stritolami pure ^ _ ^ un grandissimo abbraccio :)**

      Elimina
  7. Giustissimo. Negli interstizi spesso si annida la linfa che sostiene la pianta tutta, da radici a chioma.

    Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì... :)
      gli interstizi, sono fenditure... spiragli... che si aprono... dai quali può entrare la linfa... la luce... la vita...

      Elimina