martedì 15 febbraio 2011

Winter Moments


Tempo di
nebbie e cieli spesso cinerei
aspersi qua e là d'azzurro ~ indaco e cobalto
albori e crepuscoli fuggevoli ed evanescenti
che esaltano niveii e diafani paeaggi ammantati di silenzio

Tempo di
giornate timide che rimpiccioliscono
crogiolandosi gaie e un po' annoiate al tepore di vellutati raggi
e notti dilatate, impreziosite dalla cintura di Orione e dalle Vergilie Pleiadi


ma anche di note
nostalgiche e vibranti
nelle quali potersi adagiare e cullarsi
l'Inverno, stasera, musicalmente, mi piace immaginarlo così

"Sad Romance Violin"~ Thao Nguyen


45 commenti:

  1. giornate timide che rimpiccioliscono, trovo molto bello questo passaggio, una delle migliori metafore.
    Delicatissimo il viedeo e la musica


    RispondiElimina
    Risposte
    1. 22:51, 18 febbraio 2011

      Ti ringrazio ^ __ ^
      e chissà forse la metafora sulla timidezza mi è riuscita, perché ne conosco fin troppo bene e a fondo l'ondata di disorientamento che ti travolge quando ti ritrovi a doverla gestire, contenere, è un po' come ingaggiare una lotta con se stessi, vorresti lasciar emergere quello che pensi, senti, vorresti dire... ma tutto implode o muore sulle labbra.

      Sicuramente è forse uno stato d'animo legato piů all'adolescenza ma alcuni ahimè se la trascinano dietro e questa frase di Pablo Neruda, credo la definisca assai bene...

      "La timidezza è una condizione strana dell'anima, una categoria, una dimensione che si apre la solitudine. E' anche una sofferenza inseparabile, come se si avessero due epidermidi, e la seconda pelle interiore s'irritasse e contraesse di fronte alla vita"

      un caro saluto

      Elimina
  2. Ritrovo con piacere un tuo scritto...l'ho letto alcune volte...poi mi sono fermato ad osservarlo, è cosa gradevole guardare le parole, sapendo di averle lette e in qualche modo trattenendole...magari comincio a capirle queste tue parole, quando le guardo così come le disponi, e allora ecco che alcune di esse cominciano a muoversi -dilatarsi è il caso di dire- altre a cambiare funzione ''logica'', altre a rilasciare idee nascoste -leggi metafore, se vuoi-, e quindi cinerei lo vedo come un condizionale: cinerèi, voce del verbo cinère, inesistente, e quella cintura di orione (qui sei tu a rilasciare un ''preziosismo'', una finezza) improvvisamente mi appare con le sue borchie celesti...chissà se sono riuscito a spiegarmi...boh!
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 22:57, 18 febbraio 2011

      grazie innanzitutto per l'attenzione che hai dedicato a quello che ho scritto, nonché per il bellissimo commento attraverso il quale sei riuscito ti assicuro a spiegarti benissimo ^ _ ^

      Le parole hanno un potere davvero enorme, possiamo pronunciarle, ascoltarle, musicarle, scriverle e tanto altro, sono sempre e comunque vive, anche quando andiamo a leggerle, nonostante la parola scritta manchi di una tonalità... un'inflessione che dia loro maggior rilievo, quando le scriviamo è un po' come se loro sfilassero sul foglio, non vi rimangono prigioniere, inermi bensì nel momento in cui le leggiamo, facciamo nostre, è come se le liberassimo... loro prendono vita, muovendosi, dilatandosi.. e complimenti, è fantastica la voce del verbo cinère, te la rubo ^ __ ^

      Riguardo alla cintura di Orione il cosiddetto "gigante del cielo invernale", non sono assolutamente un'esperta, me ne parlò tempo fa un amico che era un vero luminare in fatto di costellazioni, una volta me ne fece vedere una a forma di cigno

      un caro saluto

      Elimina
  3. Quando sento un suono di violino mis tringe un nodo alla gola e riavverti la pressione dolorosa e indispensabile delle corde sotto le dita. Sarà che uno carica di significati un oggetto perchè, vissuto in un momento specifico della nostra vita, si porta dietro tante altre cose... Le parole sono belle e dolci, ma mai quanto te :)

    Sarah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 22:59, 18 febbraio 2011

      "Solo ciò che è trascorso o mutato o scomparso ci rivela il suo volto reale"
      ~ Cesare Pavese ~ "Terra d'esilio"

      ... e concordo con il tuo pensiero, siamo spessi soliti attribuire ad oggetti che per noi hanno significato molto, un valore che resta poi immutato nel tempo, risveglia in noi ricordi,emozioni, sensazioni... che anche a distanza di anni si palesano vive e vivide, ci seguono lungo il percorso della nostra vita.

      grazie, per le belle parole
      un abbraccio forte e un bacetto

      Elimina
  4. quasi quasi si sente, la musica....
    brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:02, 18 febbraio 2011

      forse questo accade perché la musica è ovunque, sia fuori...
      ma soprattutto dentro di noi e se ci predisponiamo ad ascoltarla ecco che Lei si fa sentire.

      un caro saluto

      Elimina
  5. come al solito grande poesia...
    versi che che attra-versano l'anima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:25, 18 febbraio 2011

      grazie davvero :))

      un abbraccio

      Elimina
  6. E' sempre una gioia leggerti, scusa se non ho commentato il tuo post precedente...

    Baol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:27, 18 febbraio 2011

      ti ringrazio, mi piace il termine gioia :) ma non provare mai piů a scusarti
      io stessa spesso sono incostante nel leggere, scrivere, commentare e spesso latito... purtroppo i ritmi lavorativi, la vita reale spesso ci fagocitano e impediscono di poter essere presenti come vorremmo

      un abbraccio

      Elimina
  7. L'inverno noi creature leggermente timide ci restringiamo un po'.
    In fondo noi siamo abituati a restringerci e a non invadere gli spazi degli altri.
    Scusami se dico noi.
    Ciao Alba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:30, 18 febbraio 2011

      Direi che quel NOI calza a pennello :))
      io poi quando arrossisco se mi metto a pensare che sono arrossita, arrossisco ancora di più, però mi spieghi com'è che io mi restringo in tutte le stagioni ^ __ ^

      un caro saluto

      Elimina
  8. Risposte
    1. 23:39, 18 febbraio 2011

      l'inverno anche se forse è un po' malinconico e triste a me piace, i colori, quelli veri li portiamo dentro di noi e tutte le stagioni sono belle, la Natura sa essere così meravigliosa e sorprendente...

      un caro saluto

      Elimina
  9. L'inverno ha i suoi ritmi dilatati, soporiferi. Musicalmente ispira sensualità, avvolgimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:47, 18 febbraio 2011

      turista :) ehm... credo tu abbia imparato a conoscermi abbastanza bene leggendomi e in questi versi è vero c'è molto di me, del mio timido modo essere, osservare ed attraversare la vita

      un abbraccio * . *

      Elimina
  10. ecco... sono senza parole.
    però mi piacciono le cose che hanno scritto gli altri... :-)
    questa volta mi associo a Flash, non riesco a cogliere l'emozione e a fissarla in pensiero e parole.
    Ti lascio un bacetto, però! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:51, 18 febbraio 2011

      capita spesso anche a me di non trovare le parole giuste e devo dire che ultimamente devo sono costretta a corrergli dietro.. e alla fine mi viene pure il fiatone, perché sì insomma mo' ciò pure un'età :D

      ma cosa c'è di più bello delle parole?? .

      ricambio il bacetto
      naturalmente un bacetto che ti restituisco * . *
      aggiungendoci un abbraccio

      Elimina
  11. anche io mi rivolgo alle stelle.

    prego sempre l'orsa maggiore, che mi assuma in cielo da vivo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 23:53, 18 febbraio, 2011

      ^ __ ^ .. facciamo però che non avvenga troppo presto eh...
      e una volta che sei lì, indicami dove guardare così posso comunque vederti

      un caro saluto

      Elimina
  12. Risposte
    1. 23:56, 18 febbraio 2011

      :)) ehm.. grazie assai e come dire se non altro...

      "Epistula non erubescit"

      un caro saluto

      Elimina
  13. @ Irene
    L'inverno è la stagione come ben osservi dell'assopirsi.. sbadigliare.. rannicchiarsi.. e sa essere assai affascinante così come lo sono le altre stagioni.. e il video piace molto anche a me sai, delicato e sensuale allo stesso tempo dici e poi ha delle tonalità che io amo molto e che richiamano alla natura.. alla terra.

    mi piace  soffermarmi in particolare su quel..
    " .. inafferabile confine tra luce e ombra, tra veglia e sonno"
    che sembra scandire così bene le ore invernali.. ore che con disinvoltura
    e celerità passano dalla luce al buio improvviso,  e se questo "strepitoso" risultato, fusione armoniosa di parole ed immagini la ottieni da stanca, lasciati allora dire Cara amica che sai esprimerti benissimo invece, e con entrambe

    .. e mi piace molto anche  la dolcezza, sensualità e allo stesso tempo pudore e timidezza che emana dal quadro

    un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Notti dilatate.. più tempo per osservare il cielo stellato..

    (specie quando si soffre d' insonnia ;) )

    Serena notte,
    IrisLuna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:43, 21 febbraio 2011

      direi di sì :)
      l'insonnia in effetti ha i suoi piccoli pregi in fondo, perché la notte sa essere magica, tutto è più soft ed ovattato rispetto al giorno che è invece caotico e prorompente

      Il cielo stellato poi... è meraviglioso da osservare, anche se io abitando in città riesco a vederne purtroppo a fatica solo una piccolissima porzione e i lampioni accesi comunque ne offuscano l'immensità...

      ma come dice Roberto Vecchioni

      "E' troppo grande il cielo per capirlo al volo"

      quindi immagino dovrò passare molte altre notti insonni ^ __ ^

      un abbraccio

      Elimina
  15. PS sento gli uccelini che cinguettano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 18:20, 21 febbraio 2011

      grazie.. ^ _ ^
      non immagini neanche quanto mi arrivi gradita la tua deliziosa e dolcissima dedica, sarà che ultimamente forse complice uno stato d'animo un po' malinconico, le dimostrazioni di affetto che tanto mi piacciono, mi piacciono ancora di più.. :)

      e sai.. hai descritto un'atmosfera davvero magica.. il cielo stellato, la luna, l'alba, l'orizzonte sfumato e gli uccellini che cinguettano, la Natura sa offrirci degli spettacoli davvero unici e mozzafiato, e a volte mentre li guardiamo ne diventiamo un po protagonisti oltre che partecipi

      a te voglio dedicare questa come omaggio alla tua dolcezza e belà

      Dolcezza e bellezza molto possono al mondo.
      Meriggiare pallido e assorto presso un rovente muro d'orto,


      ~ Eugenio Montale ~

      un abbraccio

      Elimina
  16. che bella dedica, alba, ti fa titti :))
    è strano, vedo la stessa Alba anch'io...cambia solo il paesaggio.

    titti,
    smettila perché mi fai venire voglia, hai capito? :((
    e in questo periodo non posso...
    chissà quando :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 18:29, 21 febbraio 2011

      è davvero bella e delicata la dedica di Titti..^ _ ^
      così come lo è lei e l'alba, che a te appare con le stessi vesti ma in contesto diverso, fa parte delle meraviglie della Natura, manifestarsi a noi in molteplici modi...

      .. mentre uhm.. riguardo ai desideri che ti suscita l'atmosfera, sai ho trovato forse una frase che a mio avviso esprime assai bene, tratto da "Se gli angeli sono inquieti"

      "Ogni alba ha i suoi dubbi"
      ~ Alda Merini ~

      un abbraccio

      Elimina
  17. quando passo da te, vengo avvolto/ abbracciato /cullato dalle tue parole...ed è piacevole lasciarsi travolgere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 18:42, 21 febbraio 2011

      elegante e bello quello che dici :)
      e ti ringrazio davvero tanto.. altro non so dire..

      un caro saluto e un abbraccio

      Elimina
  18. Non è una novità il riscontro visivo, che come sai apprezzo, e prettamente stilistico nel testo dei tuoi versi. È comunque un'unicità che rende il contesto ancora più gradevole e godibile. Come si suol dire; "la sostanza non è la forma", ma in questo caso anche la forma è ben gradita.
    Un sorriso per una serena giornata.
    ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 18:50, 21 febbraio 2011

      come dire l'abito non fa il monaco ^ __ ^
      concordo con quello che dici ed anzi ti dirò di più, a volte la forma diventa forse altrettanto inportante come il testo, perchè quando andiamo ad infondere alle parole un movimento fluttuante... la scrittura è più sinuosa e riusciamo forse in qualche modo, mancando l'inflessione della lingua parlata a dare maggior intensità ed enfasi alle Parole, rendendo il tutto più armonioso.

      Buon weekend

      Elimina

  19. l'inverno porta i grigiori all'umanità
    i blu freddi parlano di calma e di pausa
    siamo al momento deposto...
    portiamo alcuni colori dentro
    come promessa del ritorno..

    saluti cari....

    linn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:00, 26 febbraio 2011

      L'inverno è sinonimo di mutamento~metamorfosi... tutto si addormenta e tace per poi erompere nuovamente in tutto il suo splendore in Primavera, il momento della Rinascita... del Ritorno

      ... ed è vero, i veri colori infine li portiamo e custodiamo sempre dentro di noi, sono quelli che ci consentono poi di lasciarsi avvolgere dalla luce e dal calore~colore dei colori nelle grigie e piovose giornate invernali, nonché a riuscire a veder splendere il sole anche quando è offuscato

      un abbraccio
      e un caro saluto

      Elimina
  20. dalle mie parti i cieli hanno iniziato "scaldarsi" un po' e la nebbia a svanire. Quando dura pochi giorni la nebbia sa dare una sensazione di abbraccio unica, quando dura troppo invece mi comunica "soffocamento".
    I winter moments sono unici ma prepariamoci perchè tra poco ci saranno gli "spring moments" e dopo tutto ne abbiamo così bisogno! 
    un abbraccio
    Isaac

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:15, 26 febbraio 2011

      Le temperature in questi giorni a Roma sono alquanto rigide ed immagino quindi che al nord lo siano ancora di più, l'inverno sembra essersi risvegliato portando con se freddo, neve e tramontana

      La nebbia è vero avvolge ed abbraccia, sa creare spesso delle atmosfere magiche e allo stesso tempo surreali, ma riesce anche disorientare se è fitta fitta e dura troppo, ma tra non molto tornerà la colorata ed allegra Primavera ad allietarci con i suoi tiepidi raggi e le giornate si allungheranno sempre più

      un caro saluto e un abbraccio

      Elimina
  21. Parole ricche di preziose immagini, e seducenti modi di pensare all'inverno...
    Buon giornata Alba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:20, 26 febbraio 2011

      Carmine la Natura è davvero una meravigliosa musa ispiratrice, riesce sempre a sedurci e sorprenderci, qualunque siano le vesti che indossa umili, sontuose, monocromatiche, colorate o spoglie, ci consente come dice William Blake di..

      "Vedere un mondo in un granello di terra,e un paradiso in un fiore selvaggio, tenere l'infinito nel palmo di una mano, un'eternità in un ora"

      grazie, un caro saluto e un ^ ___ ^

      Elimina
  22. @ francesca05
    .. ti ringrazio ^ __ ^ .. la musica in effetti è un po' struggente così come lo è a volte l'atmosfera un po' lamentosa dell'inverno quando piove, ma non so perchè mi trasmette tranquillità, e mi fa pensare ad un caminetto acceso

    un caro saluto e un abbraccio

    RispondiElimina
  23. Un abbraccio
    Buona serata 
    Tony

    RispondiElimina
  24. @ nowhereman
    .. beh, se me lo chiedi così proprio non posso farne a meno ^ __ ^

    RispondiElimina
  25. @ TonyM
    grazie ^ __ ^ 
    a te auguro invece una splendida e spero luminosa giornata, libera da nubi e pioggia ad offuscare il cielo

    RispondiElimina