mercoledì 5 gennaio 2011

Canovacci


Pioggia
di foglie


e si denudano i rami, estenuati dal gelo e dal vento, l'albero, defraudato del suo regale mantello, rievoca e narra la sua storia, svelando le scorticature del tempo. l'autunno, viscerale e un po' vanesio, ha sfoggiato vesti ardenti e policrome incarnando  incantevoli,  suggestivi, atti

ma l'inverno, imperativo, rigido, non concede repliche, tra i fili d'erba ~ riverberi dorati, congedandosi, recitano briosamente l'ultimo splendido atto, frusciano e si animano accarezzati dai raggi del sole, rifulgono come oro.


foto di albafucens
 

55 commenti:

  1. Secondo me l'albero non viene defraudato ma è lui a regalarci un bel tappeto di foglie tutto per noi :)

    Baol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:50, 10 gennaio 2011

      mi piace la tua versione ^ __ ^
      un bel tappeto multicolori tutto per noi da poter ammirare, sentir scricchiolare e forse chissà... l'albero è davvero contento di regalarcelo

      un caro saluto

      Elimina
  2. mi piace proprio tanto questa pioggia d ifoglie d'oro
    è come se l'inverno si dipingesse degli ultimi bagliori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:52, 10 gennaio 2011

      l'inverno è la stagione dalle tinte forse più tenui e candide, nonché un po' bizzarro... ogni tanto ci regala bagliori dai colore intensi e caldi, come tutte le stagioni emoziona e dipinge paesaggi magici, incantevoli.

      un sorriso

      Elimina
  3. Che belle le foglie del gingko biloba! E mi piace il tuo soffermarti a delineare il carattere delle stagioni. E' una cosa che pochi ormai fanno, pochi si soffermano come te ad osservare i mutamenti che le stagioni determinano nella natura e nel nostro animo e tutto con la scusa che le stagioni non sono più quelle di una volta! Certi eccessi climatici non hanno annullato il mistero e il fascino del ciclico mutarsi del volto della Terra ma ci vogliono persone sensibili e attente come te per accorgersene, per mutarlo poi in parole eleganti come queste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:01, 10 gennaio 2011

      Ti ringrazio per le belle parole :)
      le stagioni mutano di anno in anno, sono spesso assai imprevedibili, capricciose e soprattutto estrose nell'abbigliarsi... ma non smettono mai di stupirci ed emozionarci.

      E' vero mi piace osservare ciò che mi circonda, catturarlo... imprimerlo nella memoria rendendolo in qualche modo immortale, e cercare di svelarne il lato intrinseco, nascosto...

      La fotografia mi regala moltissime emozioni ed è praticamente un'estensione di me stessa, del mio modo di guardare alla vita e a ciò che essa mostra e cela...

      un caro saluto e un abbraccio

      Elimina
  4. Risposte
    1. 10:03, 10 gennaio 2011

      assolutamente grazie :)

      un caro saluto e un abbraccio

      Elimina
  5. però le foglie...non muoiono per sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:04, 10 gennaio 2011

      acuta osservazione ^ __ ^ ... è vero le foglie muoiono, poi in Primavera rinascono... anche se non sono le stesse... perché l'albero si rigenera, forse chissà anche noi magari rinasciamo, ma non lo sappiamo, non ne conserviamo memoria.

      un abbraccio

      Elimina
  6. una pioggia che scalda e abbraccia

    cari auguri a te

    Blue

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:07, 10 gennaio 2011

      ... le foglie sia che vestano elengatemente l'albero o vadano ad abbellire un prato, avvolgono con i loro colori tutto... proprio come osservi tu, in un caldo abbraccio trasmettendo calore e destando ammirazione.

      un caldo abbraccio anche a te :)

      Elimina
  7. Le foglie cadendo riparano dal gelo le radici degli alberi, la Natura non tralascia nemmeno i particolari meno invisibili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:13, 10 gennaio 2011

      Non ci avevo pensato a quest'aspetto... ^ __ ^
      interessante e veritiera la tua considerazione, acuta osservazione, è proprio così, la Natura non fa mai nulla di inutile, è coscienziosa, previdente e si prende cura di se stessa, noi invece troppo spesso la maltrattiamo.

      un caro saluto

      Elimina
  8. mutano le stagioni e si portano via qualcosa di noi, ma non l'amore che sappiamo dare. Un bacio, irene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:16, 10 gennaio 2011

      Le stagioni nel loro continuo altenarsi scorrono... proprio come la nostra vita
      e nel loro moto qualcosa prendono e qualcosa lasciano in noi, ma la capacità di ammirarne la bellezza e l'amore che sanno suscitare... rimane immutato, forse chissà... cresce anche un po' con il tempo.

      un abbraccio e un sorriso

      Elimina
  9. Affascinante lirica cromatica.
    g*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:20, 1o gennaio 2011

      La natura sa offrirci degli spettacoli cromatici di un'intensità incredibile, ti ringrazio per essere passata e per il commento :)

      un caro saluto

      Elimina
  10. Il ciclo della vita - colori, speranze, e venti che rubano le speranze proprio quando ci sembrano al culmine del loro splendore.
    Ma nulla accade invano.
    Tutto ricomincia - dal'ora al nulla riprende un timido verde.
    Basta aspttare.
    Basta crederci.
    Basta avere occhi per vedere che tutto torna, tutto fluisce, tutto e' un succedersi di attimi alternati ed altalenanti che si raforzano l'uno con l'altro e che danno l'uno il senso all'altro...

    ...I tuoi post sono sempre finestre su me stessa e sui miei pensieri...

    Buon anno, cara Alba...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:30, 10 gennaio 2011

      Concordo nulla è invano e inutile nella natura, così come nella vita, tutto ha un senso, uno scopo, una ragione di essere e di esistere...

      La Natura come la vita è un'alternarsi di attimi infinitesimi... tutti da assaporare e vivere intensamente, l'importante come ben sottolinei è saper credere, aspettare e guardare oltre quella che è l'apparenza delle cose, per coglierne gli aspetti più reconditi e non smettere mai così di stupirci.

      grazie per gli auguri
      che ricambio con affetto nonché per le splendide parole

      un abbraccio e un sorriso

      Elimina
  11. Una lirica che si lascia gustare con piacere. Come un buon bicchiere di vino davanti al falò acceso, in pieno inverno. La foto si abbina particolarmente non soltanto al post, ma anche allo stesso template.
    Un sorriso per una serena giornata.
    ^______^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:15, 11 gennaio 2011

      Splendido il quadro che tratteggi e dipingi :)
      adoro l'atmosfera che si crea davanti ad un caminetto acceso, lo schioppettio della legna che ardendo illumina e scalda, il profumo della legna che si diffonde nell'aria creando momenti di condivisione delicati ed intensi

      La foto forse si abbina bene, perché i versi li ho scritti appositamente guardando la foto dopo averla scattata, sono quindi cuciti su misura apposta per Lei ^ __ ^

      grazie per le tue considerazioni
      un caro saluto e un ^ __ ^

      Elimina
  12. Bellissima poesia, Alba :-)

    Sono senza parole, mentre le tue si cullano nella mia testa, causando un sottile piacere. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:18, 11 gennaio 2011

      ti ringrazio.. :)
      sai stavo pensando a quanto sarebbe piacevole distenderci un plaid su quel bel tappeto e starsene poi lì ad ammirare i riflessi che le foglie rimandano alla luce del sole :)

      un abbraccio

      Elimina
  13. un ultimo bacio....prima di partire

    la natura si congeda, come amanti che si vedono scomparire in lontananza...

    saluti cari..

    linn

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:21, 11 gennaio 2011

      bellissino un ultimo bacio prima di partire :)

      direi che visto in questa prospettiva è un dolce bacio, un distacco solo temporaneo dall'albero finchè nuovi germogli non torneranno poi ad abbigliarlo nuovamente in primavera

      un caro saluto anche a te:)

      Elimina
  14. La ruota delle stagioni e della vita....ogni stagione ha la sua pioggia...
    Bellissime le tue parole! Grazie!
    Graziella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:25, 11 gennaio 2011

      E' vero ogni stagione ha la sua pioggia... :)
      un suo modo di rappresentare ed impersonare la scena, che siano foglie, fiori o rami scheletrici ammantati di neve, rugiada, Madre Natura ci regala sempre emozzioni molto intense e spettacoli meravigliosi.

      un affettuoso abbraccio :))

      Elimina
  15. Oggi è quasi primavera..per la temperatura.
     ciao albuccia, gran bella lirica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:30, 11 gennaio 2011

      anche Roma in questi giorni ci sta regalando temperature miti e primaverili, le stagioni devo dire sono sempre più eccentriche e volubili :)

      grazie, un abbraccio e un sorriso

      Elimina
  16. Quanto mi piacciono i colori autunnali/invernali... dovremmo rivolgere una preghiera agli alberi tutte le sere. Ciao cara

    Maraptica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:33, 11 gennaio 2011

      La Natura è semplicemente meravigliosa, da lei dipende anche la nostra sopravvivenza hai perfettamente ragione, dovremmo ringraziarla più spesso per ciò che generosamente ci offre ed essere più rispettosi nei suoi confronti

      un abbraccio :))

      Elimina
  17. è uno spettacolo che da repliche continue, mai stanco

    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 10:15, 11 gennaio 2011

      uno spettacolo di quelli che non annoiano mai, al quale siamo lieti di poter assistere una volta ancora... e poi ancora.. e ancora.. ^ __ ^

      un caro saluto e un abbraccio

      Elimina
  18. Grazie del tuo gentile commento e ancora complimenti per la tua intensa vena lirica.
    grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 11:30, 11 gennaio 2011

      ringrazio moltissimo anche io te, per il tuo garbo nonché delicatezza nel ringraziarmi.. :)

      un caro saluto

      Elimina
  19. canovacci per la cucina del verso, indistruttibili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 12:05, 11 gennaio 2011>

      Molto bello il tuo pensiero.. ^ __ ^
      la Natura, se l'uomo non intervenisse su di lei in modo così irrispettoso e scriteriato forse indistruttubile lo sarebbe davvero con la sua naturale ed innata capacità di rigenerarsi ciclicamente, lasciando morire... ma anche partorendo nuove gemme, traendo da ciò che muore il sostentamento per continuare a vivere...

      un caro saluto

      Elimina
  20. Mi piacciono l'autunno viscerale, l'inverno imperativo che non concede repliche e le scorticature del tempo. Credo che i cuori degli innamorati incisi sulle cortecce siano più forti dei lucchetti ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 8:05, 12 gennaio 2011

      grazie... ^ __ ^
      i lucchetti non piacciono molto neanche a me, un cuore è sicuramente più rappresentativo

      Elimina
  21. è lo splendore della natura che muta, che ci dice che nulla è mai davvero morto, che sotto l'abbraccio gelido dell'inverno la dolcezza nascosta del primo timido bucaneve ce ne sarà d'augurio e di conforto
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:10, 12 gennaio 2011

      in Natura tutto muta e si trasforma, ciò che muore va poi ad alimentare ciò che nascerà... è in un ciclo continuo.

      un caro saluto
      e grazie a te :)

      Elimina
  22. ".....quale delle foglie,
    tale è la stirpe degli umani. Il vento
    brumal le sparge a terra e le ricrea
    la germogliante selva a primavera..."
    *
    Omero, Iliade, Libro VI
    Fai sempre dei post belli ed evocativi:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:13, 14 gennaio 2011

      ... è davvero molto bella questa frase tratta dall'Iliade, mi piace il parallelo con gli umani, anche nella vita tutta muta e noi passiamo attraverso diverse metamorfosi

      Il termine italiano “Natura” deriva dalla radice latina gna (in greco gen), che significa "generazione" da cui il verbo latino nasci "nascere".

      Analogamente, la parola greca "Physis" appartiene alla radice phyo "genero", "cresco" ed indica la totalità delle cose che esistono, che nascono, che vivono, che muoiono, e la parola "Physis" va intesa come il divenire del mondo. (fonte da Wikipedia)

      sono stata brava :)

      grazie :)

      Elimina
  23. (sono inadegauato alla poesia. Inutile che m'illuda del contrario.
    Tra i tanti è uno dei limiti che mi riconosco. In principio ho tentato di correggere questa mia pecca poi, un po' deluso e disilluso, ho lasciato perdere e mi sono arreso all'evidenza.)

    Ciò premesso...


    ...bellissima poesia ALBA.
    Struggente. Intensa. Emotiva.
    Brava. Brava. Brava.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:30, 14 gennaio 2011

      uhm... secondo me ti sottovaluti e non ci credo affatto che sei inadeguato alla poesia, per essere poetici bisogna forse volerlo e sapersi anche lasciare andare un po',a volte quando lo fai ci riesci :)


      poi chiaramente ognuno di noi ha delle potenzialità e ci si lascia trasportare da argomenti, temi differenti, ma nel momento in cui ci si sofferma a leggere e poi ad apprezzare ciò che gli altri scrivono, comunque sinonimo di sensibilità, quindi non puoi essere inadeguato se la poesia riesce comunque a coinvolgerti.

      Ciò premesso ^ _ ^
      Grazie grazie grazie per il complimento

      Elimina
  24. Qui le foglie sono già belle che sparite da tempo, coperte sotto strati di ghiaccio e terriccio.
    l'albero "defraudato" rende l'idea di un inverno che arriva e con la forza si prende tutto, persino il "regal mantello" .
    Si, non sono decisamente un fan dell'inverno, credo sia un passaggio obbligatorio per apprezzare nuovamente l'estate e questi "ultimi splendidi atti" servono per ricordarci che presto rivedremo la luce di qualche tempo fa'. o no? :-)
    un saluto
    Isaac

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:40, 14 gennaio 2011

      a Roma al massimo i rami si coprono forse di rugiada o brina, il ghiaccio considerate le temperature miti è possibile ma raro che si formi, deve essere comunque uno bello spettacolo anche se non so quanto l'albero gradisca :)

      A me le stagioni piacciono assolutamente tutte anche se prediligo le tonalità calde e romantiche dell'autunno, l'inverno ci offre come tutte, colori e paesaggi magici, a volte anche un po' surreali, ed essendo il preludio della Primavera man mano che questa si avvicina le giornate si allungano e la luce torna ad allietare le nostre giornate.

      un caro saluto

      Elimina
  25. a me piace un tappeto di foglie..
    certo si rischia di scivolare ma ci si rialza sempre.
    questo è l'augurio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08:42, 14 gennaio 2011

      anche a me ^ __ ^ piace assai un bel tappeto di foglie offre lo spunto per diverse situazioni, e sono pienamente d'accordo anche con il rialzarsi...

      un augurio che faccio anche a te :)
      un abbraccio

      Elimina
  26. l'inverno in tutta la sua rigidità e bellezza...perso in un letto di foglie...

    eppure io amo l'inverno...quel suo torpore che ci prepara alla rinascita...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 08: 45, 14 gennaio 2011

      l'inverno piace molto anche a me con i suoi candidi paesaggi, l'aria frizzantina e un po' rigida, il suo scivolare nel sonno per poi risvegliarsi in tutto lo splendore delle tonalità della Primavera, aprendosi di nuovo alla vita.

      un abbraccio

      Elimina
  27. In generale mi piacciono le liriche che hanno come protagonista la natura e le sue diverse stagioni. Questi tuoi versi, poi, sono davvero pregevoli, così musicali e dispensatori di delicate immagini.
    Carmine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:03, 14 gennaio 2011

      Che bel complimento :)
      grazie, saper evocare immagini e riuscire a trasmettere qualcosa quando scriviamo di ciò che ci colpisce ed emoziona, è bello ed è una delle cose che più mi affascinano di questo pazzo mondo virtuale, dove ognuno di noi cerca nel suo piccolo di fare del suo meglio per illustrare le nostre emozioni.

      un caro saluto

      Elimina
  28. @ ioEilidh
    concordo le stagioni sono assolutamente splendide nessuna esclusa e non smettono mai di stupirci
    Bellissima immagine, grazie per l'augurio
    un caro saluto e buona settimana

    RispondiElimina